mercoledì 25 febbraio 2009

Verde speranza



In questo periodo di oramai risaputa crisi (a mio parere non solo economica, ma anche culturale, sociale, morale, totale insomma), mentre i governi si danno da fare per cercare di placare il malcontento popolare inducendo la massa a convincersi che "l'ottimismo è il profumo della vita!" (e vai di Tonino Guerra!), ognuno, nel suo piccolo, cerca di darsi da fare per salvaguardare il portafoglio. Spopolano anche sul web i consigli su come risparmiare senza fare troppe rinunce e su come risparmiare facendone molte. In particolare però, sono rimasta colpita da uno di questi rimedi anti-crisi: lo swap. Se qualcuno vi chiederà mai "Swappiamo?", ecco, non prendetelo a sberle, ma traducete la proposta così, piuttosto: "Ti va di scambiare i tuoi vestiti con quelli di qualcun altro?" Non fraintendetemi, in pratica funziona così: se si hanno abiti e/o accessori ben tenuti di cui però ci vogliamo disfare, si possono presentare ad una specie di giuria che li valuta, assegnandogli un numero di stelline proporzionale al loro valore. A questo punto si presentano i capi/gli oggetti e si valutano le proposte più interessanti e convenienti (sicuramente sarà meglio scambiare una borsetta da cinque stelline con un paio di scarpe di ugual valore, piuttosto che con una sciarpa da tre), quindi si dà via allo scambio. Lo swap può essere fatto via web, oppure ci si può rivolgere a uno dei numerosi swap party che vengono via via organizzati nelle più importanti città italiane (ne è previsto uno a Roma per l'8 marzo). Oltre che utile, sembra anche divertente. Dà l'opportunità di non spendere in negozio riuscendo a trovare quello che si desiderava e, nello stesso tempo, di conoscere persone nuove :) Un altro suggerimento, stavolta frutto di mia personale riflessione, è quello di ridurre le cene/i pranzi al ristorante o in pizzeria. Cerchiamo di organizzare gli incontri mangerecci con gli amici a casa: ci guadagnano il portafoglio, il palato e la salute! E volete mettere di stare tranquillamente a parlare senza quel continuo cicaleccio di sottofondo? Proprio durante una di queste occasioni poi, potrete proporre il cake di cui sto per darvi la ricetta. Scenografico e delizioso quanto basta. E verde, perché la speranza che vengano tempi migliori è l'ultima a morire.

Cake limone, pistacchi e semi di papavero

Ingredienti

175 g zucchero di canna
75 g burro
2 uova
175 g farina 00
scorza grattugiata di un limone
6 cucchiai di latte
3 cucchiai di semi di papavero
3 cucchiai di granella di pistacchi
1 cucchiaino di lievito per dolci

per glassare:

125 g zucchero a velo
succo di mezzo limone

per decorare:

fettine sottili di limone
zucchero a velo

Procedimento

Lavorare con le fruste elettriche il burro ammorbidito e lo zucchero; continuando a montare, incorporare le uova uno alla volta. Aggiungere la scorza di limone grattugiata, la farina, il latte e il lievito, quindi mescolare. Infine, unire anche i pistacchi e i semi di papavero, amalgamandoli al composto. Imburrare ed infarinare uno stampo da plum-cake; versarvi il composto ed infornare per 35 minuti ca. in forno preriscaldato a 180°.

Ricoprire una teglia con della carta da forno, spolverarla di zucchero a velo e adagiarvi le fettine sottili di limone. Quindi, infornare a 100° per un'ora.

Quando il dolce, da sfornato, sarà tiepido, preparare la glassa, lavorando lo zucchero a velo con il succo di limone, servendosi di una frusta a mano.
Versare la glassa sul cake e, prima che questa si raffreddi e si indurisca, decorare con le fettine di limone candito preparate precedentemente e con ulteriore granella di pistacchi.

Un'altra - ottima - variante del dolce si può ottenere sostituendo al limone l'arancia, e ai pistacchi la granella di nocciole.
Le fettine di limone candito, invece, possono essere utilizzate anche per decorare altri tipi di dolce.

12 commenti:

paola ha detto...

Cara Tartina nutriamo il nostro lato ottimista con una bella fetta del tuo delizioso cake e buonagiornata!!! Perchè come dice il buon Tonino "l'ottimismo è il profumo della vita!!" :-))

Carolina ha detto...

Anche io adoro passare le serate in casa con gli amici. Buona compagnia, cena e conversazione. Per me non c'è niente di meglio... Io poi sono terribilmente "casalinga"!
Bellissimo il tuo cake!
Buona giornata!

ღ Sara ღ ha detto...

particolarisssimo e delizioso!! che bei colori ha! e poi il connubbio limone e pistacchi dev'essere qualcosa di meraviglioso!!!

tartina ha detto...

@paola: "magra" consolazione! ahahah

@Carolina: io come te! :) Il club delle pantofolaie.

@Sara: ti giuro che è davvero buono! Sì, il connubio è interessante, e anche i semi di papavero danno il loro prezioso contributo! :D

Onde99 ha detto...

Verissimo, dovremmo risparmiare di più, swappare di più e smettere di interpretare questi comportamenti antispreco come rinunce o pidocchierie e cominciare a vederli, invece, come opportunità.
E questo cake è bellissimo, come le tue foto: sei davvero brava!

tartina ha detto...

@Onde99: concordo con te! Opportunità di capire che non si può andare avanti così. Opportunità di cambiare le cose e di migliorare. Opportunità per tutti.
Grazie, grazie cara :DDD

Fiordilatte ha detto...

si, lo devo proprio ammettere...il tuo blog cresce bene :) ricette interessanti e foto molto belle!
Pistacchio, limone e semi di papavero sembra un ottimo abbinamento!

tartina ha detto...

@Fiordilatte: e io sono così contenta di trovare già il vostro supporto e la vostra approvazione!!! =)
Le foto erano il mio cruccio, poi. Vedendo le vostre così raffinate non avrei mai pensato che le mie potessero piacervi!
Lo è, lo è come abbinamento. Provalo ;)

Anonimo ha detto...

Parole molto sagge! Specialmente quando dici delle cene a casa con gli amici, sarebbero da fare più spesso. Se porti questo dolce poi, io mi prenoto subito :)

Con affetto,
la tua Cavia.

tartina ha detto...

@Cavia: volentieri, cara! Magari invitiamo tutti una sera a cena nella nostra spaziosissima dimora universitaria [ahah] e io faccio il cake!

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Ma sai che non avevo mai sentito parlare dello swap??? Per le cene abbiamo ridotto eccome!!! Partendo dal presupposto che noi stiamo bene a casa nostra e adoriamo fare le nostre cenette sfiziose tra le mura domestiche :-) Stupendo il tuo cake!!! Buona serata Laura

tartina ha detto...

@Laura: ganzo lo swap, vero? :D Bravissima, sono della stessa opinione.
Grazie del complimento e di essere passata! =)